.
Annunci online

Bossi e Tremonti, la stranissima coppia
post pubblicato in diario, il 18 luglio 2011


Giuro, mi chiedo da anni il perchè da parte di Bossi di questa difesa ad oltranza dell'amico Giulio.
Si, sicuramente questo governo ha tolto più al sud che al nord e si, quando hanno potuto qualcosina per il nord l'hanno fatto (cosa che non hanno fatto per il sud), però a parte poche risibili cose Giulio ha fatto di tutto per dimostrarsi il meno federalista tra tutti i membri di governo.
Lasciamo stare per un momento la forma e andiamo alla sostanza: ogni manovra finanziaria ha tolto grandissime risorse alle autonomie locali (dalle regioni ai comuni passando per quel carrozzone inutile che sono le province) dando a loro l'eventuale delega di ripagarsi i soldi tolti con nuove tasse secondo il teorema Berlusconiano "lo stato non mette le mani in tasca ai cittadini", con sottotitolo "le mani in tasca ve le mettono tutti gli altri perchè lo stato si tiene i soldi al centro e non rimanda più indietro quanto dovuto".
Giulio ha fatto tre/quattro forse cinque manovre finanziarie dal 2008 ad ora ed ogni volta è stata una bastonata incredibile per gli enti locali, che tanto per cambiare sparano verso Roma (Alemanno compreso) e additano questo governo come centralista.

A parte il fatto che mi chiedo come un elettore possa ancora votare la Lega "de lotta e de governo", mi chiedo come Bossi possa continuare a dire che Giulio è amico e guai a chi lo tocca. Adesso pure sta storia dei ticket e le regioni che sono in rivolta e la prima cosa che denunciano è il fatto che Roma (quindi Bossi e Giulio) hanno deciso del destino di una questione regionale (la sanità) senza nemmeno consultarli.

Io giuro continuo a non capire, come quel comico che ripete "la mia capa nun è buona".



permalink | inviato da lemieidee il 18/7/2011 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia giugno        dicembre
calendario
adv